17.5 C
Verona
martedì 27 Settembre 2022
17.5 C
Verona
martedì 27 Settembre 2022

Difficili da pronunciare ma facili da leggere. 100% ufficio stampa per vocazione e forma mentis.

UE: IL CANCER PLAN LIMITA LA PROMOZIONE DI VINO E CARNI ROSSE

Pubblicato il

NEI NUOVI FONDI PROMOZIONE (176MLN DI EURO) PUNTEGGI RIDOTTI PER PRODUZIONI ‘A RISCHIO’. E L’ITALIA VOTA A FAVORE

Vino, carni rosse e carni lavorate ancora nel mirino della Commissione Ue, che ha pubblicato ieri il documento per l’accesso ai fondi di promozione orizzontale dei prodotti agricoli europei per un valore complessivo di oltre 176 milioni di euro.

Secondo quanto rileva Unione italiana vini, l’Ue ha inserito tra i criteri per l’accesso ai fondi l’allineamento ad alcuni documenti strategici, come il Farm to Fork e il piano comunitario di lotta anticancro, compreso quello approvato la settimana scorsa dalla Commissione speciale del Parlamento europeo Beca (Beating cancer).

In sintesi, i produttori di vino, di salumi e in generale di carni rosse e lavorate avranno meno chance di essere ammessi alle graduatorie del bando per la promozione in ambito comunitario. Per Unione italiana vini si iniziano a subire gli effetti del Beca, in primis sulle politiche di competenza agricola. La decisione di adottare i criteri del piano anticancro per l’approvazione dei progetti rappresenta un segnale allarmante oltreché giuridicamente non sostenibile. Tra l’altro – secondo l’associazione – sul piano politico alcuni Paesi, e tra questi non c’è l’Italia, si sono astenuti dal voto in quanto hanno espresso dubbi sul fatto che testi non giuridicamente vincolanti come il Farm to Fork e il Beca, non ancora approvato dal Parlamento europeo, entrino a gamba tesa sulle politiche di promozione. Unione italiana vini chiede che nessun prodotto sia escluso dagli aiuti alla promozione e richiama quindi l’attenzione del ministero delle Politiche agricole su questo dossier, che si fonda su un pregiudizio originato da assunti opinabili dal punto di vista scientifico e che rischia ora di provocare un effetto valanga per il vino e per il made in Italy dell’agroalimentare.

Secondo l’associazione europea dei produttori Comité vins (Ceev), pur non eliminando la possibilità di accedere ai fondi, i sub-criteri delineati dalla Commissione europea rappresentano un freno all’ammissione dei progetti relativi ai prodotti vinicoli. Una volta di più sta passando il concetto del vino come prodotto intrinsecamente dannoso, a prescindere dalle modalità di consumo.

━ Ti potrebbe interessare

ALLEANZA LA COLLINA DEI CILIEGI – GRUPPO MEREGALLI CHE ENTRA NEL CAPITALE DI ADVINI ITALIA (ORA “AMC VINI”)

COSTITUITA LA SOCIETA’ “DUOMO 18”, PRIMO PASSO CONCRETO PER LO SVILUPPO DELLA PARTNERSHIP A VISCONTI 43 LA DISTRIBUZIONE IN ESCLUSIVA HORECA ITALIA DEI VINI LA...

FIERE (UIV): IL MONDO DELLA TECNOLOGIA WINE & BEVERAGE SI DÀ APPUNTAMENTO A SIMEI

DAL 15 AL 18 NOVEMBRE A FIERA MILANO DELEGAZIONI DA 36 PAESI PER LA 29^ EDIZIONE SULLA SOSTENIBILITÀ Più di 400 espositori, delegazioni da 36...

VINO (UIV): CON VOTO OMS NASCE NUOVO PROIBIZIONISMO IN EUROPA

OMS EUROPA DISPONE LINEE GUIDA CHOC SU CONSUMI DI ALCOL. ITALIA E UE RESTANO IN SILENZIO L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) – Regione Europa ha...

VINO, VENDEMMIA: VIGNETO ITALIA PIÙ FORTE DI CALDO E SICCITÀ. QUALITÀ UVE SORPRENDENTE, QUANTITÀ SUPERA MEDIA ULTIMI 5 ANNI (+3%)

PRESENTATE LE PREVISIONI VENDEMMIALI DI ASSOENOLOGI, ISMEA E UIV SU MERCATO PESANO INCOGNITE CONGIUNTURALI, BENE L’EXPORT MA VALORI GONFIATI DA INFLAZIONE Un’annata soddisfacente per quantità e...

VIAGGIO AL CENTRO DELLA STORIA: SABATO 1° OTTOBRE LA GIORNATA NAZIONALE DEI LOCALI STORICI. PORTE APERTE PER SCOPRIRE I LUOGHI SIMBOLO DELL’OSPITALITÀ E RISTORAZIONE...

Una giornata per prendere un caffè al tavolino di Umberto Eco, fare un aperitivo ai banconi dove ha brindato Hemingway o affacciarsi dalle stanze...
spot_img