8.4 C
Verona
martedì 23 Aprile 2024
8.4 C
Verona
martedì 23 Aprile 2024

Difficili da pronunciare ma facili da leggere. 100% ufficio stampa per vocazione e forma mentis.

VINO, RADDOPPIA L’EN PRIMEUR DE LA COLLINA DEI CILIEGI

Pubblicato il

AL VIA DOMANI ALLA FESTA EN PRIMEUR LA CAMPAGNA DI INVESTIMENTO LIQUIDO CON LE ANNATE 2019 DI AMARONE ‘CILIEGIO’ E VALPOLICELLA SUPERIORE ‘PERATARA’

Raddoppia l’En Primeur de La Collina dei Ciliegi. A partire da quest’anno, infatti, sarà possibile investire non solo sulle migliori annate di Amarone “Ciliegio”, ma anche sulle barrique di Valpolicella Superiore “Peratara”, il rosso dell’azienda vitivinicola della Valpantena che ha debuttato sul mercato lo scorso marzo con una tiratura limitata di poco più di 9mila bottiglie. La notizia è stata annunciata oggi alla vigilia della 5^ Festa En Primeur, l’appuntamento che domani (27 maggio) vedrà salire alla Collina dei Ciliegi gli attuali membri del Club En Primeur e nuovi potenziali investitori e appassionati. Gli aderenti al Club En Primeur, tra imprenditori, manager, responsabili di fondi d’investimento e di società finanziarie, partner di studi legali, opinionisti televisivi, attori, giornalisti, cuochi, ristoratori o ‘semplici’ winelover, sono ad oggi 60.

Massimo Gianolli, presidente La Collina dei Ciliegi e imprenditore della finanza alla guida di Generalfinance SpA: “Siamo entusiasti di arricchire l’offerta di quelli che amiamo chiamare i nostri ‘pleasure asset’ con un altro prodotto che parla direttamente del nostro territorio, di qualità e valore aggiunto: un capitale da mettere al sicuro. Dal 2016 abbiamo venduto complessivamente 70 barrique (c’è chi ha già fatto il bis) di Amarone ‘Ciliegio’ – ha aggiunto Gianolli –, un numero che segna un +15% sul totale a fine 2021, segnale di un continuo e rinnovato interesse per la nostra formula di en primeur”. Diversamente dalle proposte francesi, il vino acquistato dagli en primeuristi della Collina dei Ciliegi non risente infatti delle oscillazioni del prezzo di mercato, e agli investitori viene garantita la redditività grazie a un aumento minimo del 10% del prezzo (anche a scaffale) anno su anno. Inoltre, in caso di sold out dell’annata (come è accaduto con il ‘Ciliegio’ 2015), coloro che hanno depositato il loro investimento liquido nel Caveau de La Collina dei Ciliegi, possono mettere a disposizione per la vendita, le bottiglie di loro proprietà al prezzo garantito dall’azienda sulla base del tempo trascorso dall’imbottigliamento.

Protagoniste della campagna di quest’anno saranno le annate 2019 delle due etichette. In particolare, l’Amarone ‘Ciliegio’ (in barrique nuove di rovere francese) si fa interprete di un’annata “tecnicamente perfetta”, caratterizzata da un clima senza eccessi di caldo estivo e con escursioni termiche che hanno regalato grappoli perfettamente maturi e ricchi di composti aromatici, per un vino equilibrato e raffinato. Elegante e strutturato, il ‘Peratara’ è il Valpolicella Superiore Doc, firmato dall’enologo Paolo Posenato, che prende il nome dall’omonimo vigneto Peratara – termine assonante con la pietrosità del terreno – situato tra i 550 e i 570m sul livello del mare e caratterizzato da un terreno marno-calcareo ricco di scheletro di origine Cretacica (risalente a 65 milioni di anni fa). È prodotto da uve Corvina, Corvinone e Rondinella e la vendemmia dei grappoli viene effettuata esclusivamente a mano.

━ Ti potrebbe interessare

VINITALY, CAMBRIA (CONSORZIO ETNA): SI CHIUDE EDIZIONE DI ALTO PROFILO PER BUSINESS

“Si chiude un Vinitaly di alto profilo per l’Etna Doc sia sotto l’aspetto quantitativo che qualitativo di buyer italiani ed esteri. Siamo molto soddisfatti”....

VINO, BINDOCCI (CONSORZIO BRUNELLO): VINITALY AD ALTEZZA ASPETTATIVE

“Chiudiamo un Vinitaly all’altezza delle nostre aspettative: abbiamo riscontrato un’ottima presenza di operatori altamente profilati provenienti da tutto il mondo”. È questo il commento...

VINO (UIV): UN MILIONE DI NUOVI CONSUMATORI ITALIANI INTERESSATI A DEALCOLATI. MA NON SI POSSONO PRODURRE

NEGLI USA I “NOLO” VALGONO GIÀ 1 MILIARDO DI DOLLARI CASTELLETTI: DA UNA PARTE SI PARLA DI ESPIANTI, DALL’ALTRA SI DEPRIME UN MERCATO POTENZIALE “In Italia...

VINO, VINITALY: SENZA IL VINO L’ITALIA PERDE L’1,1% DI PIL E UN CONTRIBUTO ANNUO AL PAESE DI 45,2 MLD DI EURO

IL PROGETTO DELL’OSSERVATORIO UIV-VINITALY Togliere il vino al Belpaese equivarrebbe, in termini di Pil, a cancellare quasi tutto lo sport italiano, compreso il calcio. Lo...

BAROLO, ETNA, MONTALCINO: 3 TERRITORI SIMBOLO DELLA TRAZIONE ENOLOGICA ITALIANA

IL CONTRIBUTO SUI TERRITORI VALE FINO A 10 VOLTE IL VALORE DELLA BOTTIGLIA Le pendici di un vulcano, un borgo medievale e le più note colline...
spot_img