test
27.1 C
Verona
sabato 22 Giugno 2024
27.1 C
Verona
sabato 22 Giugno 2024

Difficili da pronunciare ma facili da leggere. 100% ufficio stampa per vocazione e forma mentis.

VINO (CONSORZIO ASTI DOCG): CANELLI, CULLA DEL MOSCATO D’ASTI, DIVENTA DOCG

Pubblicato il

CONCLUSO L’ITER DEL RICONOSCIMENTO

Canelli, culla del Moscato d’Asti, sarà Docg. Si è infatti completato l’iter di riconoscimento del disciplinare di produzione dello storico vino e dal prossimo 6 aprile il suo nome sarà “Canelli Docg”. Le uve da vigneti composti esclusivamente dal vitigno Moscato bianco che potranno accedere alla nuova Denominazione di origine controllata e garantita, saranno quelle provenienti da 17 comuni attorno alla sottozona Canelli, punto di passaggio tra Langhe e Monferrato. L’annuncio è stato dato oggi al Vinitaly dal Consorzio Asti Docg.

La media rivendicata negli ultimi anni è di circa 100 ettari, per una produzione di quasi un milione di bottiglie, ma l’area offre un potenziale molto più alto. Nel 1865, con Carlo Gancia, a Canelli è nato lo spumante metodo classico, antesignano dell’Asti spumante legato al 100% con le uve di Moscato. Da lì ha avuto origine la filiera della spumantizzazione, che grazie alle tecnologie di elaborazione del vino si esprime oggi nelle tipologie Asti spumante e Moscato d’Asti. In particolare, la elaborazione di un vino aromatico, dolce, con una leggera sovrapressione e una bassa gradazione saranno i tratti distintivi anche del Canelli Docg nella tipologia Riserva, che sarà immessa sul mercato non prima di 30 mesi di invecchiamento e affinamento. La coltivazione della vite, e del Moscato è la coltura predominante nell’area di Canelli fin dal 1300. Poi lo sviluppo, soprattutto nei primi anni del ‘900 con Federico Martinotti che perfezionò il procedimento di preparazione del vino destinato alla fermentazione.

Il Consorzio dell’Asti Docg, che opera a tutela dell’area produttiva, è tra le realtà consortili più antiche d’Italia. Il vitigno Moscato Bianco che dà vita alla Docg piemontese, nelle tipologie Asti Spumante e Moscato d’Asti, è coltivato in 51 comuni della Provincia di Alessandria, Asti e Cuneo per un’estensione di circa 10mila ettari rientranti nel paesaggio vitivinicolo Patrimonio Mondiale dell’Umanità, il primo in Italia, riconosciuto dall’Unesco nel 2014 (“Paesaggi vitivinicoli delle Langhe-Roero e del Monferrato). Lo scorso anno l’imbottigliamento ha superato la quota di 100 milioni di pezzi, per il 90% esportati.

 

━ Ti potrebbe interessare

VINO (CONSIGLIO UIV): NO A ESPIANTI “MASCHERATI”, A BRUXELLES SERVE VISIONE STRATEGICA

DA SETTEMBRE GRUPPO DI ALTO LIVELLO IN COMMISSIONE UE PER NUOVA OCM VINO Sui tavoli di Bruxelles si chiama Ristrutturazione differita, ma si legge espianti....

VINO (CONS. BRUNELLO): A RED MONTALCINO IL ROSSO COMPIE 40 ANNI E FESTEGGIA CON VIA LIBERA AUMENTO SUPERFICIE VIGNETO E RADDOPPIO PRODUZIONE

L’EVENTO VENERDÌ 21 GIUGNO IN FORTEZZA Via libera all’aumento del vigneto Rosso di Montalcino. Lo ha deliberato la Regione Toscana che ratifica formalmente l’ampliamento della...

VINO, OSS. UIV: EXPORT ITALIA, TRIMESTRE POSITIVO NONOSTANTE LO STOP DI MARZO

I luccicanti primi due mesi lasciano il posto a segnali negativi molto forti sui principali Paesi clienti. Alla fine il cumulato segna ancora più...

VINO (CONS. BRUNELLO): IL 21 GIUGNO LA TERZA EDIZIONE DI RED MONTALCINO

IN FORTEZZA SI FESTEGGIANO I PRIMI QUARANT’ANNI DELLA DENOMINAZIONE  Si declina in chiave pop l’estate del Consorzio del vino Brunello di Montalcino che venerdì...

VITICOLTURA, OSS. UIV: EXPORT MACCHINE AGRICOLE OLTRE IL MILIARDO DI EURO (+19%), CIRCA LA METÀ PER SETTORE VINO

CASTELLETTI (UIV): A ENOVITIS IN CAMPO L’ESIBIZIONE LIVE DEL “FATTORE INNOVAZIONE” DEL COMPARTO Nel 2023 le vendite all’estero di macchine per l’agricoltura made in Italy...
spot_img