Venerdì, 22 Gennaio 2021

Rassegna stampa (154)

Un vento dell'Est (Europa) soffia sul vino italiano. Su Il Sole 24 Ore Giorgio Dell'Orefice analizza l'andamento positivo della domanda di vino italiano nell'Est Europa sulla base dei dati dell'Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor, che vedono gli acquisti di vino made in Italy aumentare del 4,3% nei primi 9 mesi 2020. Un dato incoraggiante e in controtendenza in un anno fortemente segnato dalla "crisi da Covid" (-4,6% in valore il dato 2020 dell'export di vino italiano nel mondo). 

Leggi il pezzo integrale con i commenti, tra gli altri, del dg di Veronafiere, Giovanni Mantovani, e di Denis Pantini, responsabile dell'Osservatorio. 

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

"Le stime dell'Osservatorio vino dell'Unione Italiana vini (Uiv) e dell'Ismea confermano la leadership degli spumanti tricolori, nonostante la pandemia abbia bruscamente interrotto la crescita al galoppo di questi vini negli ultimi anni (...). Le prossime feste incideranno per il 35% sul fatturato annuale di bollicine, grazie alle vendite in Gdo e nei negozi, ciambelle di salvataggio del mercato messo in ginocchio dallo stallo del canale horeca. Si venderanno però bottiglie meno costose: no ai top di gamma, no agli champagne (che accusano un crollo delle vendite a due cifre in tutto il mondo), sì alle etichette a prezzo meno alto, ugualmente piacevoli e rigorosamente italiane".

Il pezzo di Anna di Martino sulle stime dei consumi di bollicine delle prossime festività rilasciate dall'Osservatorio del Vino di Unione italiana vini (Uiv) e da Ismea, ieri su L'Economia del Corriere della Sera.

 

 

Scarica il ritaglio completo.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Re-mixology d’autore. Su Elle di dicembre un distillato dei Locali storici d'Italia rende onore ai drink che hanno segnato il Belpaese (e i suoi palati) in un tour inebriante di curiosità e ricette: Un altro giro, please…

Leggi il pezzo di Marta Saladino

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

"Quella del Brunello di Montalcino è una storia di primati: è stata la prima doc rossa italiana nel 1966 (...), anche la prima cantina aperta al pubblico, facendo da apripista all'enoturismo, era nel 1948 una cantina di Brunello di Montalcino e quest'anno uno dei vini simbolo della Toscana celebra i 40 anni dall'assegnazione della docg (...). Ma se il Brunello ha fatto conoscere Montalcino in Italia e nel mondo, questo territorio ricco di bellezza, di storia e di antichi saperi, ha molto altro da offrire...". Nell'edizione di dicembre di Touring Magazine, la copertina di TamTam (pag. 13) è dedicata a Montalcino, al suo vino di punta e alle sue eccellenze, da quelle agroalimentari alle attrazioni storico-culturali e ambientali.

 

Scarica il ritaglio completo

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn