Domenica, 18 Agosto 2019

Comunicati stampa (404)

Per il pomodoro italiano da industria coltivato nel Nord Italia è rosso anche il bilancio. L’anno scorso, infatti, gli agricoltori non solo hanno dovuto patire un calo del prezzo del 7,4% rispetto al 2015, ma hanno dovuto anche sborsare collettivamente 2 euro per tonnellata a titolo di penalità per lo sforamento dell’obiettivo di produzione stabilito.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 L’agricoltura italiana ‘non va bene’, e i redditi agricoli sono ‘peggiorati’ negli ultimi anni. A dirlo, i diretti interessati in un sondaggio svolto negli ultimi mesi dal settimanale leader del settore – L’Informatore Agrario – che ha raccolto i pareri di un campione di circa 500 agricoltori.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

PAVAN BERNACCHI: ITALIA GUIDA CLASSIFICA PAESI UE. CASO FCA NON DIVENTI RIVALSA COMMERCIALE.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

PAVAN BERNACCHI: "SI È CHIUSO UN ANNO ECCEZIONALE A DUE VELOCITÀ: IL +19,1% DEL PRIMO SEMESTRE E IL +12% DEL SECONDO HANNO PORTATO A CHIUDERE L'INTERO ANNO A +15,8% RISPETTO AL 2015. LA QUOTA A PRIVATI È RIMASTA STABILE MENTRE SONO ESPLOSI I NUMERI DELL'IMMATRICOLATO AD AZIENDE E NOLEGGI. NUMERI, È BENE RICORDARLO, REGISTRATI SOPRATTUTTO PER VIA DEL SUPERAMMORTAMENTO DEL 140%, OTTENUTO GRAZIE ANCHE AL NOSTRO IMPEGNO NEI CONFRONTI DEL GOVERNO. E IL 2017? OSSERVANDO LA SITUAZIONE POLITICA ED ECONOMICA DEL NOSTRO PAESE RITENIAMO CHE POTRÀ ESPRIMERE CIRCA 1.900.000 IMMATRICOLAZIONI (+4%). MA NON CI STUPIREMMO SE SI VERIFICASSE UNA CONTRAZIONE”.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn