Giovedì, 21 Ottobre 2021

Comunicati stampa (659)


BUONE LE PERFORMANCE DELLE CASE SU ELETTRIFICAZIONE E DIGITALIZZAZIONE

È Porsche il marchio n.1 per i concessionari italiani. È quanto emerso dall’edizione 2021 del premio DealerSTAT, lo studio annuale di Quintegia che rileva il grado di soddisfazione dei dealer nel rapporto con le case automobilistiche presentato oggi a Verona nel corso di Automotive Dealer Day. Al vertice della classifica per la terza volta negli ultimi 5 anni, la casa tedesca ha conquistato il primo premio con un punteggio di 4,08 (in un indice di gradimento da 1 a 5 e con una media Italia pari a 3,39), sorpassando Mercedes-Benz e Bmw, rispettivamente medaglia d’argento e di bronzo, e scalzando dal podio Toyota, vincitrice dello scorso anno in sesta posizione dopo Suzuki e Mini. Seguono nella top10 Audi, Smart, Volvo e Ford.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

IL 70% DEI DEALER INSTALLA COLONNINE DI RICARICA ELETTRICA SUI TERRITORI, IMPIEGO FEMMINILE AL 24%

 Non solo vetture a basse emissioni: per l’automotive la sostenibilità è sempre meno un optional anche nelle concessionarie italiane, in pole position in fatto di riduzione dei consumi, promozione della mobilità elettrica, utilizzo di fonti rinnovabili, ma anche di sostegno alle comunità locali, riqualificazione di aree verdi e welfare aziendale. Ma rimane alto il gender gap tra gli addetti. Lo dice l’indagine Reset, presentata oggi all’Automotive Dealer Day di Verona e realizzata da Quintegia, in collaborazione con Findomestic, con uno studio qualitativo su un campione pari al 60% delle 1.234 concessionarie italiane. Comportamenti virtuosi, in linea con l’orientamento green di un settore che solo in Italia vale 340 miliardi di euro (20% del Pil) e che ha nei propri dealer il primo avamposto nel rapporto con i consumatori. 

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

NELLO STUDIO QUINTEGIA IL CRESCENTE PRAGMATISMO VERSO L’AUTO DEL FUTURO TRA ESIGENZE DI MOBILITÀ, RISPARMIO E DRIVING EXPERIENCE

Sì all’elettrico, ma con “eco-scetticismo”. Secondo l’Automotive Customer Study di Quintegia, che sarà presentato nel corso della 19^ edizione di Automotive Dealer Day (Veronafiere, 14-16 settembre 2021), solo 2 automobilisti italiani su 10 ritengono che le auto elettriche porteranno a grandi vantaggi per l’ambiente, mentre la maggioranza si divide tra chi pensa che, pur contribuendo a ridurre le emissioni, non avranno un impatto rilevante sull’inquinamento (41%) e chi è convinto che, considerato l’intero ciclo di produzione, le auto elettriche non portino beneficio ecologico (38%). Un’evoluzione che sembra andare di pari passo con l’aumento della conoscenza (oggi 3 consumatori su 4 sono informati almeno sulle caratteristiche principali dell’elettrico) e che si traduce in un maggior pragmatismo anche in fase di acquisto. “In un anno la quota di chi prende in considerazione l’auto elettrica perché è ecologica è scesa dal 48% al 34% - ha commentato Fabio Barbisan, consigliere di amministrazione di Quintegia -, il che sembra alleggerire il peso della componente puramente ‘ideologica’ come driver di acquisto. L’elettrico oggi convince soprattutto perché, dal 42% degli interessati, viene considerata l’auto del futuro. Ciò che osserviamo durante l’acquisto – ha proseguito – è una crescente attenzione alle esigenze di mobilità personali, al risparmio nella gestione e all’effettiva autonomia dell’auto, ma anche all’esperienza di guida: l’86% degli EV driver dichiara infatti che il test drive è stato molto (49%) o abbastanza importante nella decisione”. 

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

FEDERAUTO: CONTRATTO DI AGENZIA SVILISCE RUOLO CONCESSIONARI

Il 53% dei top dealer italiani (oltre 150 milioni di fatturato) boccia l’ipotesi di un futuro da agenti - e non più da concessionari - delle case automobilistiche. Lo rivela un estratto del DealerSTAT, l’indagine annuale di Quintegia rivolta al 60% dei concessionari del Belpaese che sarà presentata domani all’Automotive Dealer Day, in corso fino a giovedì a Veronafiere. Sul piano del fatturato, secondo le stime Quintegia, i 50 principali dealer italiani di auto (il settore ne conta circa 950) rappresentano poco meno del 30% del mercato con una media di 800mila di pezzi nuovi e usati venduti nel 2019 e un fatturato di circa 17 miliardi di euro, in crescita dell’80% nel decennio pre-covid.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn