Martedì, 24 Novembre 2020

Il III forum italo-russo dell'Associazione Conoscere Eurasia, si è tenuto ieri a Treno. Antonio Fallico: ''Le sanzioni hanno fatto più male a chi le ha inferte''. Sergey Razov, ambasciatore della Federazione Russa nel nostro Paese: ''L'Italia è per noi una priorità''.

Scarica il dettaglio

Ieri il III seminario italo-russo dell'Associazione Conoscere Eurasia che si e tenuto a Trento. Torna a crescere l'export verso la Russia, ''ma si può fare di più''. Antonio Fallico: ''Avanti con dialogo e made with Italy''.

Scarica il dettaglio

Come intensificare le relazioni culturali ed incrementare i flussi turistici tra Russia ed Italia, ed in particolare tra la Federazione e Verona. Di questo si è parlato ieri in Camera di Commercio nel corso del convegno ''Lo sviluppo delle relazioni culturali e turistiche tra la Russia e l'Italia''.

Scarica il dettaglio

FALLICO (PRES. CONOSCERE EURASIA E BANCA INTESA RUSSIA): IL MONDO DEL BUSINESS CONTINUI A LAVORARE COME SE SANZIONI NON ESISTESSERO.

L' export veronese rilancia sulla Russia. La crescita (+33%) è maggiore rispetto al dato nazionale. I prossimi eventi dell'Associazione Conoscere Eurasia a Verona.

Scarica il dettaglio

PAVAN BERNACCHI: “MENTRE IL CANALE PRIVATI CONTINUA A STAGNARE (+0,4%) IL MERCATO CRESCE SOPRATTUTTO GRAZIE ALLE KILOMETRIZERO. INFATTI NEI PRIMI 8 MESI DELL’ANNO SI SONO GIA’ IMMATRICOLATE TUTTE LE KILOMETRIZERO DELL’INTERO 2016”.

Rallenta rispetto a giugno ma continua a crescere il mercato domestico delle immatricolazioni di autovetture.

PAVAN BERNACCHI: "IL MERCATO CONTINUA A CRESCERE, MA LA SPIA LAMPEGGIANTE SUL QUADRO STRUMENTI, OSSIA IL CANALE PRIVATI, INDICA UN ALLARMANTE -1,9%”.

La ripresa delle esportazioni dell'Italia in Russia segna "Un cambio di passo e una rinnovata fiducia verso il Paese" per Antonio Fallico, presidente di Banca Intesa Russia e  dell'Associazione Conoscere Eurasia.

La Russia per l'Italia si conferma un partner strategico e al forum economico di San Pietroburgo, la Davos del profondo nord, quest'anno a tenere alto il vessillo della cooperazione ci ha pensato il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calendra, che ha presenziato alla firma di importanti contratti e intese fra aziende italiane e grandi gruppi russi.