Mercoledì, 28 Ottobre 2020

"Il primo intervento in favore del settore automobilistico è quello urgente e riguarda gli emendamenti contenuti nel decreto Rilancio. C'è infatti la necessità di riaccendere subito i motori del mercato e non si possono non trovare 3-400 milioni dentro a un decreto da 55 miliardi". Così Michele Crisci, presidente di Volvo e Unrae, sulle necessità del settore auto in occasione della prima puntata dell'Automotive Forum LIVE di Quintegia. In dettaglio nell'articolo di ieri firmato da Luciano Mondellini su Milano Finanza (pag. 7).

 

Scarica il dettaglio completo

LAZZERI (FINDOMESTIC): DA MERCATO PRIMI SEGNALI DI RIMBALZO INSPERATI, MA NON SUFFICIENTI
(Treviso, 23 giugno 2020). “Il primo intervento in favore del settore dell’auto è quello urgente, e riguarda gli emendamenti contenuti nel prossimo decreto Rilancio. C’è infatti la necessità di riaccendere subito i motori del mercato e non si possono non trovare 3-400 milioni di euro dentro a un decreto da 55 miliardi. Io sono fiducioso nelle risposte di Governo e Parlamento. Lo ha detto oggi in occasione dell’Automotive Forum live di Quintegia il presidente di Volvo Car Italia e di Unrae (Unione autoveicoli esteri), Michele Crisci. “Il secondo intervento - ha aggiunto – è di ordine strategico: dobbiamo capire che l’automotive è un comparto centrale del nostro Pil e come tale va avviata una discussione sul futuro della mobilità. Lo stanno facendo già Germania, Francia e ora anche la Spagna e mi auspico che l’Italia non voglia fare anche in questo caso il Paese che insegue”.

L’INDAGINE IN PRIMO PIANO SU ‘AUTOMOTIVE FORUM LIVE’ IL NUOVO FORMAT DIGITALE DI QUINTEGIA

(Treviso, 19 giugno 2020). Il calo del fatturato atteso quest’anno dai concessionari italiani è del 38% per le vendite di auto nuove, del 27% per l’usato e del 18% per il post vendita. Un decremento che vale complessivamente 14 miliardi di euro solo per il mondo della distribuzione auto, pari a quasi 2,5 miliardi di euro di minori introiti fiscali per lo Stato. E il rimbalzo, per la maggior parte degli intervistati, si farà attendere almeno sino a metà del 2021. A dirlo, il 52% dei concessionari italiani in un estratto dell’annuale indagine DealerSTAT, che quest’anno pubblica in edizione speciale anche una classifica sul miglior rapporto tra costruttori e dealer in tempo di Covid-19.