Lunedì, 01 Marzo 2021

Comunicati stampa (567)

BINDOCCI: DA NOI NON SOLO GRANDE VINO MA ANCHE GRANDI PERSONAGGI

“Montalcino non produce solo grandi vini ma anche grandi personaggi del vino”. È il commento del presidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino, Fabrizio Bindocci, all’annuncio del primo Master of Wine italiano, Gabriele Gorelli, nato e cresciuto a Montalcino.

“Penso non sia un caso – ha aggiunto Bindocci - se il primo italiano accolto nella più autorevole e antica organizzazione dedicata alla conoscenza e al commercio del vino nel mondo provenga da un territorio che ha vigne e cantine nel proprio dna. Gabriele – ha concluso Bindocci - oggi ci rende tutti più orgogliosi”.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

La Rai si "sintonizza" sulla rete (elettrica) di Agsm Energia. È stato infatti formalizzato in questi giorni il contratto di fornitura del bando Consip vinto dalla multiutility scaligera, che fornirà quindi l'energia elettrica per le trasmissioni delle reti televisive nazionali Rai attraverso Rai Way, il gestore di infrastrutture e servizi di rete per telecomunicazioni leader in Italia. Dal 1° aprile partiranno quindi le forniture per Rai Way (90 milioni di kilovattora GWh per 18 milioni di euro), mentre i contatori della Rai (242 milioni di kilovattora, 48 milioni di euro) si accenderanno a partire dall’inizio del mese seguente.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

L’AGENDA CHE UNIONE ITALIANA VINI SOTTOPORRA’ AL MINISTRO PATUANELLI

Unione italiana vini (Uiv) guarda con fiducia al nuovo Governo Draghi e augura buon lavoro al neo-ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli. L’Associazione di riferimento per il settore, che rappresenta l’85% dell’export del vino italiano, è convinta che in questo delicato momento sia necessario un cambio di passo, a partire da un piano di rilancio in favore di un comparto che ogni anno rende una bilancia commerciale attiva per circa 6 miliardi di euro.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

LA DENUNCIA DE L’INFORMATORE AGRARIO NEL MIRAGGIO DEL “FER 2”
(Roma, 18 febbraio 2021). È ancora rosso il semaforo per la produzione di energia “verde” in Italia, ingabbiata tra i ritardi nell’emanazione di norme e decreti attuativi che stanno di fatto mutilando i progressi di un comparto fondamentale non solo per il raggiungimento degli obiettivi di politica ambientale, ma anche per la sostenibilità agronomica ed economica del settore agricolo e zootecnico. A denunciarlo, il direttore della storica rivista specializzata L’Informatore Agrario, Antonio Boschetti, che nell’ultimo numero del settimanale punta i riflettori sul vicolo cieco burocratico in cui è costretto il mondo delle agroenergie, in attesa da oltre 3 anni del provvedimento interministeriale di iniziativa del ministero dello Sviluppo economico volto a normare l’incentivazione per la costruzione di nuovi impianti a energia rinnovabile diversa dal fotovoltaico (tra cui le biomasse legnose).

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn