Lunedì, 01 Marzo 2021

 

Italia in zona retrocessione sul fronte dei finanziamenti agricoli comunitari. Al 31 dicembre 2016 infatti è in fondo alla classifica – precede solo Malta – tra i 28 Paesi Ue, con appena il 6,2% dei fondi PSR 2014-2020 erogati ai beneficiari, contro una media europea più che doppia (14,2%).

ATTESI A MONTICHIARI (BS) CIRCA 50MILA HOBBY FARMER DAL 24 AL 26 MARZO.

L’agricoltura italiana inverte la tendenza e, nel 2016, registra un calo nei redditi del 7,7%, quasi 6 punti in più rispetto alla media Ue (-2%).

Per il pomodoro italiano da industria coltivato nel Nord Italia è rosso anche il bilancio. L’anno scorso, infatti, gli agricoltori non solo hanno dovuto patire un calo del prezzo del 7,4% rispetto al 2015, ma hanno dovuto anche sborsare collettivamente 2 euro per tonnellata a titolo di penalità per lo sforamento dell’obiettivo di produzione stabilito.

 L’agricoltura italiana ‘non va bene’, e i redditi agricoli sono ‘peggiorati’ negli ultimi anni. A dirlo, i diretti interessati in un sondaggio svolto negli ultimi mesi dal settimanale leader del settore – L’Informatore Agrario – che ha raccolto i pareri di un campione di circa 500 agricoltori.