Mercoledì, 30 Settembre 2020

 

Il vino marchigiano continua a correre: sono 6 i Paesi extra Ue nel mirino delle azioni di promozione messe in campo per il 2018 dall'Istituto marchigiano di tutela vini. Andrea Fraboni fa il punto sul programma del maxi-consorzio marchigiano, che quest'anno potrà contare su un investimento di oltre 2,2 milioni di euro. 

Scarica il dettaglio completo

USA, CINA, CANADA, GIAPPONE, RUSSIA E SVIZZERA I PAESI TARGET DI IMT

Sono 6 i Paesi obiettivo dei vini marchigiani secondo il programma 2018 messo in campo dall’Istituto marchigiano di tutela vini (Imt) attraverso la Misura comunitaria Ocm vino Promozione Paesi terzi. Il progetto regionale al via da ieri, a cui partecipano 70 aziende socie Imt (il doppio dello scorso anno), potrà contare su un investimento di oltre 2,2 milioni di euro, cifra compartecipata al 50% da fondi Ue.

Si parla di Verdicchio su Donna Moderna, il bianco made in Marche che sconfessa il luogo comune che i bianchi italiani non possono invecchiare. 

Scarica il ritaglio completo

VERDICCHIO DEI CASTELLI DI JESI E ROSSO PICENO FANNO SQUADRA PER I 50 ANNI DELLE 2 DOC

Svolta nella promozione dei 2 consorzi vinicoli delle Marche – l’Istituto marchigiano di tutela vini e il Consorzio vini piceni –, decisi a fare squadra in occasione dei principali appuntamenti nazionali e internazionali.

Cinque Docg, 15 Doc e una Igt, ma anche oltre 14mila aziende e 17mila ettari di vigneti. Sullo Speciale Italia di Dove l'itinerario sui vini coltivati "tra le pieghe e le colline delle Marche", in un tour fra cantine, arte e storia.

Scarica il dettaglio

“Per la prima volta un Verdicchio entra nella top 100 dei migliori vini al mondo per Wine Spectator. Il riconoscimento arriva dopo il successo sulla critica nazionale che da 4 anni consecutivi premia il principale autoctono marchigiano come miglior bianco fermo italiano. Entrare nella classifica più ambita al mondo enologico rappresenta un primo bel risultato del lavoro di informazione e accreditamento presso i media specializzati e operatori internazionali del settore”. È il commento del direttore dell’Istituto marchigiano di tutela vini, Alberto Mazzoni, dopo l’ingresso nella ‘guida delle guide’ Wine Spectator del Verdicchio dei Castelli di Jesi Podium 2014 di Garofoli.

Lorenzo Frassoldati ripercorre le sfide presenti e future dei vini rossi italiani, a partire dal cambiamento del clima e della geografia dei mercati, con la domanda che corre sempre più ad est. Il pezzo riprende l'indagine di Nomisma Wine Monitor presentata a Camerano al convegno organizzato dall'Istituto marchigiano di tutela vini in occasione dei 50 anni della Dop del Rosso Conero. 

Scarica il dettaglio

La crescita dei vini marchigiani secondo Bruno Vespa.

Scarica il dettaglio

L’agroalimentare marchigiano fa squadra sul biologico e si dà appuntamento al Sana di Bologna (8-11 settembre) con un’inedita collettiva regionale (stand Pad. 26 B124/A123) che coinvolge le principali produzioni della regione, dalla carne al vino, fino alla pasta e ai cereali.

Da WineNews di oggi ''Italia più bianchi che rossi. Che guidano l'export'', l'analisi emersa nel convegno 'Rosso come il vino’ organizzato dall’Istituto Marchigiano di Tutela Vini (Imt) per il 50° anno della Doc del Conero. In primo piano anche il focus di Riccardo Cotarella (pres. Assoenologi) sulla vendemmia 2017 e le attività di Collisioni Marche.

In allegato il dettaglio