Giovedì, 25 Aprile 2019

Torna il 24 e 25 maggio a Susegana (TV - Azienda Agricola Conte Collalto) Vite in Campo, l’appuntamento dedicato alla viticoltura innovativa e sostenibile che da ormai tre anni vede la filiera del Prosecco fare fronte unito per una produzione di qualità sempre più green e attenta all’ambiente. Organizzata da Condifesa Treviso, Vicenza e Belluno in collaborazione con il Consorzio di Tutela Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg, Il Consorzio di Tutela Prosecco Doc e il Consorzio Tutela Vini Asolo Montello e sotto il coordinamento de L’Informatore Agrario e Vite & Vino, la due-giorni si concentra sulle sfide dell’innovazione per una difesa fitosanitaria sostenibile, la gestione del sottofila con metodi alternativi al diserbo chimico, l’utilizzo di macchine e trattori nei vigneti di pianura e di collina e l’adozione di sistemi IoT (Internet of Things) in vigna e in cantina.

DALLA VIGNA AL BICCHIERE IL BIOCONTROLLO È LO STRUMENTO PIÙ EFFICACE E SALUBRE PER TUTELARE LA SALUTE DI TECNICI E CONSUMATORI

“La bioprotezione è ormai una realtà ed è pronta per il mercato”. A lanciare il messaggio è Ilaria Pertot del C3A-Centro agricoltura, alimenti e ambiente dell’Università di Trento, intervenendo al convegno Biocontrollo, quale futuro nel vigneto Italia, organizzato da L’Informatore Agrario oggi a Vinitaly. Per Pertot: “Non esiste un solo strumento di difesa, ce ne sono diversi, si tratta solo di capire di volta in volta quale può essere l’approccio più corretto e sostenibile”. Certo è che il futuro della viticoltura e dell’enologia passa senza dubbio attraverso un’intensa attività di ricerca e innovazione.

A VINITALY IL CONVEGNO DE L’INFORMATORE AGRARIO SUL BIOCONTROLLO NEL VIGNETO ITALIA

Fa il punto sul futuro del biocontrollo nel Vigneto Italia il convegno targato Edizioni L’Informatore Agrario a Vinitaly, l’appuntamento annuale con la formazione specializzata della storica rivista, giunto quest’anno alla 21^ edizione. Durante l’incontro, in programma lunedì 8 aprile nel quartiere fieristico veronese (Sala Rossini – Centrocongressi Arena, ore 10.00), interverranno Ilaria Pertot del C3A-Centro agricoltura, alimenti e ambiente dell’Università di Trento, l’agronomo Giovanni Bigot e Emilia Garcia Moruno del CREA Viticoltura ed Enologia, per un’analisi a tutto tondo dell’utilizzo degli agenti di biocontrollo dal vigneto alla cantina. A seguire, la tavola rotonda tra tecnici, enologi, produttori e ricercatori (ore 11.25) aprirà il confronto sull’affermarsi di questi strumenti di difesa sostenibile nell’ambito della vitivinicoltura italiana, nelle aziende biologiche ma anche (e forse soprattutto) in quelle integrate.

CHIUDE SOLD OUT LA 9^ EDIZIONE, APPUNTAMENTO DAL 27 AL 29 MARZO 2020 PER IL DECENNALE DELLA MANIFESTAZIONE

(Montichiari – BS, 24 marzo 2019). Borse piene di fiori e taccuino degli appunti ancora in mano. Salutano così i 40mila visitatori della Fiera di Vita in Campagna, l’appuntamento nazionale per gli amanti del verde che chiude oggi a Montichiari (BS) la sua 9^ edizione. “Di anno in anno registriamo un aumento della qualità e dell’interesse del nostro pubblico, che si dimostra sempre più attento sia ai prodotti che ai contenuti che Vita in Campagna propone - ha detto Giuseppe Reali, amministratore delegato della casa editrice veronese Edizioni L’Informatore Agrario, che pubblica, tra gli altri, la storica rivista dedicata all’agricoltura hobbistica -.

ANALIZZATI OLTRE 500 CAMPIONI OLIO EVOO

(Montichiari – BS, 23 marzo 2019). Cinquecentodiciotto campioni di olio extravergine di oliva (Evoo) analizzati, 18 regioni italiane e 6 Paesi produttori esteri rappresentati. Sono questi i numeri del concorso “Aipo d’Argento”, il premio oleario internazionale organizzato dall’Associazione Interregionale Produttori Olivicoli di Verona (Aipo) in collaborazione con Edizioni L’Informatore Agrario, che oggi al Salone di Origine della Fiera di Vita in Campagna (Montichiari – BS, 22-24 marzo) ha annunciato i vincitori della 16^ edizione alla presenza, tra gli altri, del presidente di Coldiretti, Ettore Prandini.

(Montichiari – BS, 23 marzo 2019). “Abbiamo intenzione di presentare un piano strategico per l’olivicoltura che riguarda tutto il Paese. Il 2018 è stato un anno particolarmente critico, abbiamo perso circa il 60% medio di produzione nazionale, ma la cosa che più ci preoccupa è una totale discrasia tra i piani che vengono attuali a livello regionale e i Psr: non siamo in grado di dare le stesse possibilità alle imprese che vogliono investire: dobbiamo dare uniformità per garantire gli investimenti necessari per il miglioramento qualitativo”.

DAL 22 AL 24 MARZO A MONTICHIARI (BS) TUTTO PER DIVENTARE HOBBY FARMER

Sarà una 9^ edizione tutta dedicata al “Vivere biologico”, “Vivere la fattoria” e “Vivere la natura” per la Fiera di Vita in Campagna, l’appuntamento di primavera interamente pensato per gli amanti del verde, in programma dal 22 al 24 marzo al Centro Fiera del Garda di Montichiari (BS). Durante la 3-giorni organizzata dall’omonima rivista di Edizioni L’Informatore Agrario, gli hobby farmer di tutta Italia potranno “imparare a fare” gli agricoltori per passione seguendo le lezioni gratuite degli esperti, dialogando direttamente con la redazione della storica testata e incontrando i principali produttori di materiali e attrezzatura utile. Biologico, fattoria e natura sono i temi che attraversano tutta la manifestazione: 3 itinerari - una novità 2019 - che intersecano le anime storiche della Fiera di Vita in Campagna, dalla cura del verde tra orto, giardino e piccola agricoltura, passando per gli animali da compagnia e i piccoli allevamenti fino alla casa in campagna. Come ogni anno, durante tutta la fiera-mercato sarà possibile acquistare macchinari, attrezzature, sementi, mangimi, piante e fiori, ma anche rigenerarsi con le proposte enogastronomiche del Salone di Origine, un primo piano sulle eccellenze agroalimentari che meglio raccontano lo speciale legame tra la terra e la tavola italiana.

PRESENTATA A EIMA L’INDAGINE DE L’INFORMATORE AGRARIO, NOMISMA E FEDERUNACOMA SULL’AGRICOLTURA 4.0

Il trattore batte l’auto in termini di fruizione dell’innovazione. È quanto succede nelle campagne italiane, dove ormai quasi 1/5 (18%) degli agricoltori utilizza trattrici a guida assistita o semi automatica. E nel 38% dei casi la spesa per il nuovo mezzo 4.0 supera i 20mila euro. A dirlo, alla fiera Eima di Bologna (7-11 novembre), l’indagine Agricoltura 4.0 L’approccio delle imprese agricole italiane, realizzata da L’Informatore Agrario, Nomisma e FederUnacoma su un campione di 1034 intervistati su tutto il territorio italiano e presentata oggi pomeriggio nel corso del convegno “Quando l’agricoltura 4.0 aumenta la redditività”.

Per fare gli agricoltori serve competenza. Antonio Boschetti, direttore de L'Informatore Agrario, spiega nel pezzo di Giuliano Zulin su Libero che la proposta del governo di regalare la terra è "priva di ogni significato tecnico ed economico. L'agricoltura è una cosa seria, bisogna essere imprenditori molto capaci per fare soldi. [...] Concedere il terreno a una famiglia che fa il terzo figlio è una banalizzazione della professione".

Scarica il ritaglio completo

Qualità, tipicità e tutto il buono della montagna. È la ricetta che sabato 11 e domenica 12 agosto trasformerà Farra d’Alpago (BL) nella capitale del gusto ad alta quota per un weekend interamente dedicato alle eccellenze agroalimentari montane. Organizzata dalla Regione Veneto in collaborazione con L’Informatore Agrario e Ven.Lat., la due-giorni si inserisce nell’ambito del progetto Top-Value, una partnership per la promozione del “Prodotto di Montagna” che coinvolge la Camera dell’Agricoltura della Carinzia, l’ente regionale per lo Sviluppo Rurale del Friuli Venezia Giulia, la Regione del Veneto — Direzione Agroalimentare, l’Umweltbüro GmbH, l’Università degli Studi di Udine e l’Università degli Studi di Padova.