Lunedì, 10 Dicembre 2018

Comunicati stampa (331)

PRESENTATA A EIMA L’INDAGINE DE L’INFORMATORE AGRARIO, NOMISMA E FEDERUNACOMA SULL’AGRICOLTURA 4.0

Il trattore batte l’auto in termini di fruizione dell’innovazione. È quanto succede nelle campagne italiane, dove ormai quasi 1/5 (18%) degli agricoltori utilizza trattrici a guida assistita o semi automatica. E nel 38% dei casi la spesa per il nuovo mezzo 4.0 supera i 20mila euro. A dirlo, alla fiera Eima di Bologna (7-11 novembre), l’indagine Agricoltura 4.0 L’approccio delle imprese agricole italiane, realizzata da L’Informatore Agrario, Nomisma e FederUnacoma su un campione di 1034 intervistati su tutto il territorio italiano e presentata oggi pomeriggio nel corso del convegno “Quando l’agricoltura 4.0 aumenta la redditività”.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

SABATO 10 E DOMENICA 11 NOVEMBRE LE INIZIATIVE A TORGIANO E MONTEFALCO

Vino, delizie di stagione e cultura, ma anche foliage in vigna e cooking class in cantina, questi gli ingredienti di Lungarotti per l’appuntamento con Cantine Aperte a San Martino, l’iniziativa autunnale targata Movimento turismo del vino (Mtv) che sabato 10 e domenica 11 novembre animerà anche le tenute della maison vitivinicola umbra.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

(Verona, 26 ottobre 2018). “Oltre 1.300 imprenditori in rappresentanza di 1.100 aziende provenienti da circa 40 Paesi. 90 incontri b2b pre-programmati e 70 deal molto vicini alla conclusione; tra i protagonisti 2 grandi aziende italiane e russe oltre a un buon numero di accordi tra Pmi. Il Forum Economico Eurasiatico si chiude con un’ulteriore crescita e dà appuntamento nel 2019, il 24 e 25 ottobre”. Lo ha detto oggi a Verona, in chiusura dell’XI Forum economico eurasiatico il presidente dell’Associazione Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia, Antonio Fallico.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

(Verona, 26 ottobre 2018). “In occasione dell’ultimo Consiglio europeo, il premier Conte ha proposto la riattivazione del fondo Bers (Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo), che metteva a disposizione delle pmi russe 300 milioni di euro, portati a 1,4 miliardi di euro con l’intervento della Bei (Banca europea di investimento) e di banche di investimento private, per ottenere trade facilities e credito all’export. Uno strumento congelato da fenomeni di over compliance nel 2014, che era importante anche per sostenere l’export delle nostre aziende”.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn