Domenica, 26 Maggio 2019

Comunicati stampa (383)

PAVAN BERNACCHI: "IL 2017 PARTE COME UN DRAGSTER, LASCIANDO STUPEFATTI ANALISTI, CASE AUTOMOBILISTICHE E CONCESSIONARI. LE RAGIONI? DA UNA PARTE LA GUERRA DELLE CASE AUTOMOBILISTICHE CHE SI CONTENDONO IL MERCATO, FATTA A SUON DI PROMOZIONI CUI CONTRIBUISCONO ANCHE I CONCESSIONARI, DALL’ALTRA IL SUPER AMMORTAMENTO CHE RAFFORZA E SOSTIENE LA DOMANDA DELLE PARTITE IVA. MA PRIMA DI TRARRE QUALSIASI TENDENZA È OPPORTUNO ASPETTARE ALMENO LA CHIUSURA DEL PRIMO TRIMESTRE. AL GOVERNO UN MONITO: NON AUMENTATE L’IVA, NON PENSATE A PEDAGGI SULLE STRADE STATALI O ALTRO. GLI AUTOMOBILISTI, TARTASSATI PER ANNI SENZA SCRUPOLI, HANNO BISOGNO DI UNA DIMINUZIONE DELLA PRESSIONE FISCALE, NON DI AUMENTI”.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

L’agricoltura italiana inverte la tendenza e, nel 2016, registra un calo nei redditi del 7,7%, quasi 6 punti in più rispetto alla media Ue (-2%).

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

FERRAJOLI (FEDERAUTO TRUCKS): 2016 ANNO STRAORDINARIO CARATTERIZZATO DA CRESCITA E RINNOVAMENTO DEL SETTORE, OCCORRE PROSEGUIRE IN QUESTA DIREZIONE.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Per il pomodoro italiano da industria coltivato nel Nord Italia è rosso anche il bilancio. L’anno scorso, infatti, gli agricoltori non solo hanno dovuto patire un calo del prezzo del 7,4% rispetto al 2015, ma hanno dovuto anche sborsare collettivamente 2 euro per tonnellata a titolo di penalità per lo sforamento dell’obiettivo di produzione stabilito.

Share this post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn