Lunedì, 10 Dicembre 2018

 

(Offida – AP, 3 dicembre 2018). Sarà una full immersion sui vini piceni quella di domani per 15 studenti dell’Institute of Masters of Wine di Londra, protagonisti di uno study tour alla scoperta delle Doc marchigiane organizzato dal celebre istituto londinese in collaborazione con il Consorzio vini piceni, l’Istituto marchigiano di tutela vini (Imt) e Marchet – Azienda speciale della Camera di Commercio di Ancona. Tra gli aspiranti Master of Wine anche due italiani e i professionisti di settore provenienti da altri 8 Paesi: dagli Usa alla Cina, Regno Unito, Svizzera, fino a Canada, Oman, Nuova Zelanda e Bulgaria.

Verona, 28 novembre 2018. È la Collina dei Ciliegi, start up vitivinicola dell’imprenditore della finanza Massimo Gianolli, la “best practice di valorizzazione del territorio” di Save the Brand 2018, quinta edizione del premio nazionale organizzato da LC Publishing Group sul Made in Italy delle tre ‘F’, fashion, food e furniture.
Il riconoscimento, assegnato ieri sera al Four Seasons Hotel di Milano, individua nell’azienda con sede a Erbin (Grezzana, Verona) “l’impegno nel sostenere la competitività e l’attrattività della Valpantena-Lessinia”.

DOMANI 23 NOVEMBRE LA DEGUSTAZIONE GUIDATA IN COLLABORAZIONE CON AIS MARCHE E AIS CAMPANIA

(Offida – AP, 22 novembre 2018). Sarà una serata all’insegna del Rosso Piceno quella di domani presso l’Hotel Royal Continental di Napoli (via Partenope, 38/44) con l’evento “Io, tu e il Rosso Piceno” (ore 20.00), organizzato dal Consorzio vini piceni in collaborazione con Ais Marche e Ais Campania. Otto le etichette in degustazione per un percorso guidato tra le caratteristiche organolettiche del grande rosso marchigiano a base Montepulciano e Sangiovese, che quest’anno celebra i 50 anni dalla nascita della denominazione.

Nel numero di Panorama in edicola l’articolo di Bruno Vespa dedicato ai vini di Lungarotti, nei quali “l’alta qualità resta costante sul lungo periodo”. Svetta il Rubesco Riserva Vigna Monticchio 2011, Sangiovese in purezza dal “profumo intrigante e sapore profondo e autorevole”.

Scarica il ritaglio completo

AL VIA DA OTTOBRE PROGRAMMA DI EVENTI-DEGUSTAZIONI PER IL 50° DELLA DOC

(Offida – AP, 5 ottobre 2018). Si colora di Rosso Piceno l’autunno marchigiano, una stagione interamente dedicata alle eccellenze enogastronomiche regionali che nei mesi di ottobre e novembre saranno protagoniste di una serie di eventi speciali. E sotto i riflettori ci sarà anche la denominazione di rosso più rappresentativa delle Marche che con il Consorzio Vini Piceni festeggia quest’anno il 50° anniversario dal riconoscimento della Doc, dopo aver traguardato nel 2017 una produzione di oltre 3 milioni di bottiglie.

DOMENICA 23 SETTEMBRE INAUGURAZIONE IN CANTINA A TORGIANO DELLA MOSTRA DI MASSIMILIANO MAMO DONNARI

Festeggia i colori e i profumi del vino il settembre di Montefalco e Torgiano, protagonisti con le Cantine Lungarotti di due weekend dedicati alla vendemmia e alle etichette del territorio. Si parte venerdì 14 con Enologica Montefalco (14-15-16 settembre - www.enologicamontefalco.it), l’evento annuale dedicato al Sagrantino che vedrà anche le migliori annate firmate dalla maison del vino umbra in degustazione al Chiostro di Sant’Agostino (dalle 11.00 alle 20.00) e in cantina a Turrita di Montefalco (dalle 11.00 alle 16.30). Qui, oltre ad un focus sull’importanza dei diversi tipi di calice, sarà in programma una degustazione alla cieca (su prenotazione, € 5,00 pax) per imparare a riconoscere i vini al naso e al palato.

Degustazioni, assaggi e raccolta dell’uva, ma anche arte, musica, storia e cultura sono gli ingredienti di Cantine Aperte in Vendemmia, “i giorni più belli dell’anno” ne La luna e i falò di Cesare Pavese festeggiati da Lungarotti con il Movimento Turismo del Vino il 22 e 23 settembre.
Si inizia sabato 22 con la cantina di Montefalco che aprirà le sue porte per un aperitivo a bordo vigna (ore 19.00) e una cena degustazione a base di prodotti tipici e di stagione (su prenotazione, €45,00 pax), dalla focaccia all’uva alle bruschette al tartufo, fino agli gnocchi al Sagrantino e al filetto di lattonzolo ai mirtilli. Un vero brindisi all’autunno, accompagnato dalla musica dal vivo, in cui non mancherà una visita alla cantina. Domenica 23 settembre, a incorniciare la trasformazione dell’uva in vino, il debutto da Lungarotti a Torgiano della mostra Pop art in cantina dell’artista materico perugino Massimiliano MaMo Donnari (inaugurazione alle 17.30), un tributo in chiave pop e contemporanea al genio e alla libertà di espressione, che rimarrà in esposizione fino al 29 settembre. In programma, dopo la visita in cantina (ore 17.00) e la presentazione della mostra, anche un brindisi in enoteca, mentre dalle 10 alle 17 sarà possibile visitare i Musei del Vino e dell’Olivo e dell’Olio e la cantina (su prenotazione).

 

Per info e prenotazioni:
Cantina Lungarotti Torgiano: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 075.9886649 (viale Giorgio Lungarotti, 2 Torgiano – Pg).
Cantina Lungarotti Turrita di Montefalco: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 0742. 378868 (via del Boschetto, 1 Turrita di Montefalco - Pg).
Social: FB www.facebook.com/lungarotti/; TW @lungarotti e IG @lungarottiwine

 

 

 

Una copertina dedicata ai vini bianchi sui Tre Bicchieri del Gambero Rosso del 6 settembre, che anticipa i due pezzi di Loredana Sottile realizzati a seguito di Collisioni Jesi. Si parte con un articolo dedicato ai 50 anni del Verdicchio dei Castelli di Jesi e ai festeggiamenti dell'Istituto marchigiano di tutela vini in occasione dell'edizione jesina di Collilsioni (pag. 6-7). A seguire l'approfondimento di mercato che riporta di dati resi noti durante il convegno "Bianco come il vino" (pag. 24-27). 

 

Scarica il ritaglio completo

Nel TG1 edizione notte del 1 settembre (ed. notte) la notizia emersa dal rapporto Nomisma-Wine Monitor durante il convegno "Bianco come il vino", organizzato dall’Istituto Marchigiano di tutela vini nell’ambito di Collisini Jesi. Il servizio di Maria Chiara Perri al min. 14'18''. Edizione a conduzione di Alessandra di Tommaso.

 

Guarda l'edizione completa

La storia della famiglia Gianolli e di un sogno con le radici in Valpantena nell'articolo de L'Arena di ieri, firmato da Maria Cristina Caccia e Paolo Dal Ben.

Scarica il ritaglio completo

I BIANCHI FERMI ITALIANI BATTONO LA FRANCIA E CORRONO SUI MERCATI MONDIALI (+26% NEGLI ULTIMI 5 ANNI)

(Jesi AN, 31 agosto 2018). È ormai la tipologia di vino più consumata in Italia e nel Regno Unito (e presto anche negli Usa), la più presente sulle tavole dei ristoranti del Belpaese, quella più avvantaggiata - assieme agli sparkling - dal cambiamento climatico e all’approccio femminile alla bevanda. Ma soprattutto è una leva fondamentale per l’export del prodotto enologico made in Italy. Il vino bianco fermo italiano, con un valore di 1,287 miliardi di euro l’anno, è infatti il più venduto al mondo e fa meglio della Francia (1,276 miliardi) - che ci sovrasta sui rossi e sugli sparkling -, di Nuova Zelanda, Spagna, Germania e Australia. È quanto emerso oggi da un’indagine Nomisma Wine-Monitor al convegno ‘Bianco come il vino’, organizzato dall’Istituto marchigiano di tutela vini nell’ambito di Collisioni Jesi.